il Sonno .org

  • Clicca qui per saperne di più
  • Facebook: psichepedia
  • Linked In: pub/international-soc-of-psychology-isp/39/74/169
  • Twitter: Psichepedia
Messaggio
  • "Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per inviare informazioni in linea con le tue preferenze. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni clicca sui link sottostanti.

    Leggi l'informativa completa

    Leggi la Direttiva Europea

INFORMAZIONI - Disturbi del Sonno
Scritto da Dott. Loredana Scalini   

 

INSONNIA TRANSITORIA E INSONNIA PERSISTENTE


 

Nel caso dell’ insonnia transitoria le cause possono essere la sovreccitazione provocata da stress, ansia, attacchi di panico, ma anche da situazioni di felicità e di lieta aspettativa.

Il cambiamento di fuso orario e di turno lavorativo possono sconvolgere i nostri ritmi circadiani, provocando insonnia. Anche fattori ambientali come rumori, la temperatura e altri fattori hanno un ruolo nel produrre insonnia e comunque risultano essere tanto più fastidiosi quanto più ci si trova stressati.

Per quanto riguarda le insonnie persistenti vi è un'alta probabilità che la causa del disturbo sia uno sfasamento dei ritmi circadiani.

Può avvenire infatti che l'orologio biologico mandi il suo segnale di allerta delle ore destinate al sonno rendendo il risveglio mattutino difficile.

In questo caso si parla di Dsps (Delayed Sleep-Phase Sybdrome) o “sindrome da sonno ritardato” trattato con la luce forte della mattina.

Nel caso del disturbo speculare al Dsps, ossia l’ Asps (Advanced Sleep-Phase Sybdrome) “sindrome da sonno anticipato”, in cui si ha un risveglio prematuro, il trattamento è una luce forte di sera. In genere si prescrivono 2 h di stazionamento davanti a una serie di luci fluorescenti.

 
unregistered template Template by Ahadesign Visit the Ahadesign-Forum