il Sonno .org

  • Clicca qui per saperne di più
  • Facebook: psichepedia
  • Linked In: pub/international-soc-of-psychology-isp/39/74/169
  • Twitter: Psichepedia
Messaggio
  • "Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per inviare informazioni in linea con le tue preferenze. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni clicca sui link sottostanti.

    Leggi l'informativa completa

    Leggi la Direttiva Europea

INFORMAZIONI - Il sonno e i suoi meccanismi
Scritto da Dott. Alessio Penzo   

Meccanismi fisiologici di induzione del Sonno

 

Molte ricerche hanno dimostrato che numerose strutture cerebrali sono implicate nell'induzione e nel mantenimento del sonno, nonché nell'alternanza durante il sonno di farsi di desincronizzazione e sincronizzazione.

Secondo Kandel le strutture implicate sono: i nuclei del Rafe, il Nucleo del Tratto solitario, L’Area Preottica dell’Ipotalamo, il Nucleo soprachiasmatico dell’Ipotalamo.

 

  • NUCLEI DEL RAFE

- La somministrazione cronica in questi nuclei di PCPA (para-cloro-fenilalanina), una sostanza che inibisce la sintesi di serotonina, inizialmente provoca insonnia ma dopo una settimana sia il sonno REM che il SWS raggiungono una durata pari al 70% di quella normale, nonostante la persistente e completa scomparsa della serotonina cerebrale. Si osserva però un’attività fasica tipica del sonno REM anche in tutti gli altri stadi del sonno, e anche durante la veglia.

E’ ora noto che queste cellule serotoninergiche diminuiscono la loro frequenza di scarica nel passaggio dalla veglia al SWS e cessano di scaricare del tutto durante la fase REM. Si ritiene pertanto che l’attivazione delle cellule dei nuclei del rafe inibisca gli eventi fasici tipici del sonno REM (e che comparirebbero anche nelle altre fasi e nella veglia in caso di ipofunzionamento).

- I nuclei del Rafe scaricano con frequenze massimali durante la veglia e riducono tale frequenza notevolmente durante il sonno REM.

 

  • NUCLEO DEL TRATTO SOLITARIO

- La sua stimolazione provoca insorgenza di sonno.

- La sua lesione non provoca insonnia.

- Si ritiene che eserciti un controllo (forse inibitorio) sulla Formazione Reticolare.

- Riceve afferenze gustative e viscerali principalmente attraverso il nervo vago (X). La stimolazione di tali afferenze provoca sincronizzazione EEG, la stessa provocata attraverso una stimolazione tattile a bassa frequenza e di intensità moderata di certi nervi cutanei.

  • Area preottica (Ipotalamo)

- l’infusione di serotonina direttamente in questa regione induce SWS.

- la distruzione produce insonnia

  • Nucleo Soprachiasmatico (Ipotalamo)

- Si ritiene che questo nucleo sia l’orologio biologico interno che regola il ciclo sonno-veglia e che si sincronizza con lo zeitgeber “luce” .

- riceve afferenze direttamente da fibre retiniche.

- l’elevata densità delle sinapsi dendro-dendtitiche tende a determinare un’attività EEG sincrona.

 

 



 
unregistered template Template by Ahadesign Visit the Ahadesign-Forum